LOGO SPORTELLOINTERNET.IT SCRITTA SPORTELLOINTERNET.IT LOGO WWW.NEWGLOBAL.IT
:: Home page

:: Meno accessibile

:: Questioni finanziarie
   Argentina
   Cirio
   Parmalat
   Banca 121
   Assicurazioni
   Banche
   Telefonia
   Sky-TV

:: Servizi di NewGlobal.it
   Fregature finanziarie
   Ti leggo il prospetto

:: Informatica
   Rimborso Windows
   Rimborso CD protetti
   Open Source

:: Problematiche Internet
   Accessibilità
   p2p
   Domini Internet
   Spam
   Dialer

:: Motore di ricerca


Argentina

[ Introduzione ] | [ Notizie ] | [ Forum ]

Forum

Scrivi sul forum! Clicka qui!
Se ancora non la possiedi, richiedi la password! Clicka qui

[ Pagina precedente ] [ Prossima pagina >> ]

173   19-dec-2004    00:31
Nuova proposta
(FA -)

La nuova proposta appena postata è stata inviata in data di oggi alla TFa ed alla Fedeconsumatrori.
Pregherei qualcuno dei partecipanti alla riunione di Lunedì 20 distamparla e farla circolare in assemblea.
Grazie.

172   16-dec-2004    02:35
Nuova proposta
(FA - Chiavari)

Chiavari 16/12/04
QUESTA PROPOSTA NON RICHIEDE IMPEGNI FINANZIARI A CARICO DEI PAESI CREDITORI, MA SOLAMENTE UN IMPEGNO POLITICO DIRETTO CONTRO L’ARGENTINA, NELL’AMBITO DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE INTERNAZIONALI
Preso atto delle proposte argentine che prevedono nuovi bond decurtati anche del 75%, con scadenze da 30 a 42 anni ad un tasso irrisorio, con ammortamento previsto solo negli ultimi anni di vita dei nuovi titoli, e con perdita degli interessi maturati dal 2001, si potrebbe accettare anche una scadenza più lunga, con ammortamento annuale, in sostituzione della loro indecente offerta.
Ad esempio nuovi bond comprensivi del 100% del capitale più interessi capitalizzati dal 2001 ad oggi ,con scadenza:
30 anni – ammortamento annuale del 3,33% + interessi
40 anni - ammortamento annuale del 2,50% + interessi
50 anni - ammortamento annuale del 2% + interessi
La rata di ammortamento è costante, mentre la rata interessi è decrescente.
Ottenere un ammortamento già dal primo anno è fondamentale, pochi o tanti sono soldi portati a casa!
Non deve spaventare la lunga scadenza per i nuovi bond proposti, per motivi anagrafici, la maggioranza dei risparmiatori “ passerà a miglior vita” anche prima di 30 anni!
A questo punto tanto vale accettare anche una scadenza a 50 anni, ma con titoli validi, non carta da macero.
Meglio non farsi illusioni, i tagliaborse argentini certamente saranno costretti a fare qualche rilancio in aumento, ma anche se raddoppiassero l’offerta dal 25 al 50%, per noi sarebbe sempre una rovina.
I nuovi titoli potrebbero essere emessi con varie scadenze o con unica scadenza.
Il nuovo tasso potrebbe variare in base alla scadenza, e far riferimento
ai tassi in vigore sui singoli mercati locali per le stesse scadenze, ed eventualmente essere legato all’inflazione della piazza di collocamento.
Sarebbe accettabile anche il tasso variabile, ma collegato ad un indice internazionale.
I nuovi titoli dovrebbero avere la garanzia dei governi interessati, degli organismi finanziari internazionali, FMI, World Bank., delle banche nazionali e degli istituti di credito che gli hanno piazzati.
Una qualche forma di garanzia è essenziale, per realizzare una valutazione di borsa più favorevole e quindi la possibilità di vendere i nuovi titoli, in base alle considerazioni ed alle esigenze personali.
Le trattative e gli eventuali accordi possono interessare tutti i creditori, o singoli Stati che nell’interesse dei loro cittadini si impegnino per impedire che vengano impunemente rapinati da una banda di squallidi personaggi.
La vergognosa offerta argentina è avvenuta senza tavoli di trattative, accordi o negoziazioni, mentre tra il 1980 e il 1996, le 49 ristrutturazioni di debiti sovrani, sono sempre state frutto di compromessi tra governi e banche advisor dei comitati dei creditori.
L’Argentina non è un territorio sottosviluppato, ha immense potenzialità attuali e future, sebbene da sempre governato da corrotti demagoghi da strapazzo, dove la corruzione di antica tradizione ispanica, impedisce un reale progresso civile ed economico.
Loro stessi stanno pubblicando sui siti web governativi, tabelle e grafici ( su www.mecon.gov.ar se ne possono contare fino a 32) che dimostrano incrementi percentuali a doppia cifra, in ogni settore economico.
In un paese di completa anarchia tributaria, ora ottengono incrementi del 34% nelle entrate Iva, e non sono tanto ingenui da pubblicare dati veritieri!
Chiediamo ai nostri politici la massima determinazione per trattare con questi boriosi ed arroganti soggetti.
Come indicato nel titolo non sono necessari impegni finanziari dei governi creditori.
I risparmiatori/investitori otterrebbero il 100% del capitale + gli interessi pregressi, con la possibilità di realizzare in tempi brevi il loro credito (se i nuovi bond saranno garantiti).
Sarebbero svincolati 30 mila miliardi di vecchie lire, da tre anni bloccati senza rimunerazione dal default argentino.
Le banche italiane eviterebbero di essere sommerse da migliaia di cause giudiziarie, che già sono in corso presso i tribunali del nostro Paese.
I vaqueros sarebbero costretti ad onorare totalmente il loro debito, beneficiando tuttavia del prolungamento delle scadenze ( o della scadenza unica), e di tassi di interesse a debito ricontrattati tra le parti.
Ogni popolo ha il governo che si merita, di conseguenza i danni dell’infame classe politica argentina li deve pagare il popolo argentino, non i risparmiatori di mezzo mondo.
Sarebbe stato possibile dichiarare il default verso le istituzioni finanziarie, e chiedere a loro qualche sacrificio o condizioni più favorevoli, ma i ladrones hanno pensato che era più facile rapinare i risparmiatori privati.
Auspichiamo che finalmente le nostre istituzioni politiche e finanziarie, intervengano direttamente e duramente,
contro questo tentativo di rapina preparata già mesi prima della dichiarazione del default, con documentati e preordinati trasferimenti di fondi statali sulle banche svizzere. (inchiesta giudice Griesa di N.Y.)
La nostra Costituzione “incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme”, a maggior ragione quando si tratta di sventare una rapina messa in atto da uno stato estero, contro cittadini italiani.
In questi giorni si sono messi in testa di pagare tutto il debito verso il FMI, per poi avere mano libera di massacrarci
senza vergogna, quindi vuol dire che hanno disponibilità non dichiarate, come tutti sappiamo!
Pagare il debito a favore dei cinque paesi (Italia,Usa,Svizzera,Germania, Giappone) compreso quattro anni di interessi maturati (in media 8%) e l’ammortamento dei nuovi bond, potrebbe comportare una rata annua di circa tre miliardi di dollari:
- debito verso i 5 Paesi 37,607 + interessi maturati capitalizzati 13,558 tot.51,165 miliardi di dollari, nuovi bond scadenti a 50 anni al tasso del 4% + ammortamento del 2%, rata annua 3,069 mld usa doll.
E’ un grande paese quello dei ladrones , dalla immense possibilità, ma loro preferiscono fare gli accattoni in giro per l’Europa, sono venuti dal Papa, ora dal rey di Spagna,un famoso senatore in odore di mafia, si appella all’italianità, non gli bastano le pensioni Inps che gli paghiamo.
Nel 2004 hanno raddoppiato le immatricolazioni di nuove di automobili, hanno un evasione fiscale del 66%, riserve per 19 miliardi di dollari, un surplus primario del 8,4%, capitali all’estero trafugati dagli stessi argentini per oltre 200 miliardi di dollari, molto di più del loro debito totale.
Credono di essere furbi, si stanno scavando la fossa da soli, diventeranno i lebbrosi del terzo millennio!
E’ vergognoso che si chiedano sacrifici ai risparmiatori esteri privati, che detengono solo il 18%, del debito complessivo argentino, e non si chiede analogo sacrificio agli organismi internazionali, in gran parte responsabili del crack argentino.
Lo stesso governatore Fazio, che come il Papa se non muore non si smuove, ( unico caso a livello planetario) ha dichiarato candidamente che si tratta di pochi spiccioli, anche se non ha mosso un dito per farceli recuperare!
(fa)

171   18-dec-2004    10:59
LADRONIA...........O COSA???
(Tomi - TO)

Venerdì 17 Dicembre 2004, 18:27
Argentina: Bond; Stock, Argentina Ha I Soldi Ma Non Paga
(ANSA) - ROMA, 17 dic - "L'Argentina ha i soldi per pagare. Ma non vuole". E "con la class action si può dare molto fastidio". A dirlo è il presidente della Task Force Argentina Nicola Stock, nel corso di un'intervista a Sky TG24, commentando gli ultimi sviluppi nella vicenda dei Tango Bond e la proposta del governo Kirchner, che prevede una restituzione solo del 25% del capitale. Stock ha ribadito come la proposta di Buenos Aires sia inaccettabile, aggiungendo: "Nutriamo molte speranze sulla Class Action in atto al tribunale di New York. Con questa si può dire molto fastidio all'Argentina".
"In Kirchner - dice Stock c'é un certo populismo. Ha detto subito che prima vuol pensare agli argentini, poi agli 'speculatorì che hanno affamato il paese. Ma noi abbiamo un accordo anche con il più grande comitato argentino di risparmiatori (30 mila aderenti)".
Quanto alle disponibilità dell'Argentina, secondo Stock "le riserve del paese sono aumentate da 9 a 19 miliardi. Il Pil cresce all'8%. L'avanzo primario è attorno al 6%", quindi il paese "può sicuramente fare di più, ma non vuole".
"Dall'Argentina continua Stock - sono usciti 200 miliardi di dollari. Dove sono andati a finire?". (ANSA).

170   18-dec-2004    05:34
felice natale
(lupetto-bianco - foligno)

Volevo augurare a tutti un felice natale e un 2005 migliore degli anni passati.
Ciao
Luca

169   17-dec-2004    20:31
assemblea a Milano
(alan - aka Spike V)

bella idea!

[ Pagina precedente ] [ Prossima pagina >> ]

Tutti possono scrivere su questo forum commenti e proposte sulla questione "Argentina".
Eventuali articoli fuori tema (OT) oppure offensivi saranno rimossi.


*

:: Poni un quesito sul seguente argomento


:: Proponi un nuovo argomento


:: Segnala questo sito a un tuo amico!!

:: Il tuo indirizzo di e-mail:

:: L'indirizzo di e-mail del tuo amico:


:: Webmaster: metti il nostro banner sul tuo sito!!

:: Il tuo indirizzo di e-mail:

:: Il tuo sito::



  :: Sportello Internet è una iniziativa di newglobal.it :: contatto: